Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Carnet di Biglietti senza la tessera del tifoso

Nonostante tutte le manovre sporche dell’Osservatorio e del Ministero, l’AS Roma non si arrende e rilancia la propria proposta di abbonamento slegato dalla tessera del tifoso, questa volta sotto forma di carnet. La tessera si muove al di fuori di ogni più basilare norma di diritto e la si deve combattere su questo stesso terreno, laddove è fragilissima: quello della legalità, delle azioni per mano di avvocati. Basta con gli slogan: tutte le curve hanno i loro legali di fiducia per le diffide, adesso è ora di battaglie meno personali e di più ampio respiro per spingere le proprie società ad abbattere questa ipocrisia, questo abuso di potere chiamato tessera del tifoso.

 

AS ROMA rende noto che a partire da venerdì 23 settembre e fino a giovedì 20 ottobre 2011, esclusivamente presso i punti vendita asromastore (www.asroma.it) e i punti speciali Lis Lottomatica (www.listicket.it), presentando un valido documento d’identità, una fotocopia leggibile dello stesso, il modulo di sottoscrizione debitamente compilato ed una fototessera, potranno essere acquistate, sempre che risultino assenti motivi ostativi al rilascio dei titoli stessi, delle speciali Card dove saranno pre-caricati i biglietti in formato elettronico esclusivamente delle seguenti 16 gare del Campionato Serie A Tim 2011/2012:

1) Roma-Palermo (8a giornata girone andata);
2) Roma-Milan (10a g. g. a.);
3) Roma-Lecce (12a g. g. a.);
4) Roma-Juventus (15a g. g. a.);
5) Roma-Chievo (17a g. g. a.);
6) Roma-Cesena (19a g. g. a.);
7) Roma-Bologna (1a giornata girone di ritorno);
8) Roma-Inter (3a g. g. r.);
9) Roma-Parma (5a g. g. r.);
10) Roma-Lazio (7a g. g. r.);
11) Roma-Genoa (9a g. g. r.);
12) Roma-Novara (11a g. g. r.);
13) Roma-Udinese (13a g.g.r.);
14) Roma-Fiorentina (14a g. g. r.);
15) Roma-Napoli (16a g. g. r.);
16) Roma-Catania (18a g. g. r.).

Sarà possibile acquistare gli stessi biglietti elettronici delle 16 gare anche in formato digitale ed a speciali tariffe ridotte, associandoli direttamente alla AS ROMA CLUB PRIVILEGE, che costituirà quindi anche l’unico titolo d’accesso allo Stadio.

Si conferma che la sola Card non potrà avere alcun’altra funzione che quella suddetta (titolo d’ingresso multiplo per le 16 gare sopra indicate).
Non potrà quindi essere utilizzata per ottenere sconti, agevolazioni, facilitazioni o promozioni di alcun genere.
Né potrà essere considerata in alcun modo quale strumento abilitante per l’acquisto dei tagliandi delle trasferte nazionali.
Tali opportunità e concessioni infatti, rimarranno ad esclusivo beneficio degli Abbonati 2011/2012 e/o dei Titolari della AS ROMA CLUB PRIVILEGE.
Il modulo di sottoscrizione, per entrambe le tipologie di acquisto dei tagliandi (digitale o cartaceo), è reperibile sia in formato elettronico sui siti Internet http://www.asroma.it e http://www.listicket.it (a partire da lunedì 12 settembre) che in formato cartaceo presso i punti speciali asromastore e le ricevitorie LIS Lottomatica autorizzate.

Per leggere il comunicato ufficiale clicca qui

Fonte: MyRoma

L’on. Paolo Cento è stato intervistato da Vincenzo Nastasi per CucsLegend.net sull’iniziativa della Roma di rendere disponibili ai tifosi dei carnet di abbonamenti senza l’obbligo di dotarsi della Tessera del Tifoso. «Una decisione saggia – ha commentato Cento – che avvia la riflessione su un’esperienza fallimentare».

Onorevole Cento, come giudica l’iniziativa della Roma, che ha deciso di proporre carnet di biglietti senza Tessera del tifoso? Potrebbe essere un’apripista anche per le altre società oppure crede che rimarrà un esempio isolato?
“Come Roma Club Montecitorio abbiamo detto che la decisione della Roma è saggia e va sostenuta. Si tratta di una assunzione di responsabilità importante, che aiuta senza troppe polemiche le società a svincolarsi dall’obbligo di adottare la Tessera.
Io sono fiducioso e spero che il progetto riesca ad aprire una riflessione anche nelle altre società di calcio. E’ sotto gli occhi di tutti il fatto che la tessera abbia avuto come effetto quello di allontanare le persone e i tifosi dagli stadi, senza aumentare il livello di sicurezza. L’iniziativa della Roma è dunque molto positiva.

Crede che col sistema di controlli on-line messi a punto dalle Questure, coi quali si verificano in tempo reale i motivi ostativi all’emissione dei biglietti, la Tessera del tifoso sia ancora uno strumento utile?
La tessera è stato un errore grossolano e ritengo vada superato rapidamente perché si è rivelato, in fin dei conti, inutile.
In particolare poi ci sono tutta una serie di questioni che attengono al discorso della sua costituzionalità e mi riferisco, nel caso specifico, all’art. 9 del decreto di introduzione della Tessera che, nel parlare di motivi ostativi al rilascio della stessa, indica anche condanne e misure restrittive che sono già state scontate.
In questo modo si rischia di introdurre una discriminazione che va a cozzare coi più basilari principi costituzionali, in quanto appare evidente che non posso scontare una sanzione ulteriore rispetto a quello che ho già pagato. Un precedente, che magari ho già scontato in maniera definitiva, non mi può impedire di andare a vedere una partita di calcio.
Mi auguro che il parlamento si decida a rivedere la normativa in materia. Noi, anche come Roma Club Montecitorio, stiamo facendo un lavoro certosino per convincere e sensibilizzare anche gli altri colleghi deputati.

Crede che gli strumenti legislativi e amministrativi attuali, compresa la Tessera del tifoso, siano oggi adeguati alla gestione della sicurezza negli stadi?
Sono sempre stato dell’idea che la sicurezza negli stadi non possa essere affrontata con norme speciali. C’è quindi bisogno di una normativa generale che riorganizzi l’intero sistema. Innanzitutto, bisogna mettere fine alla criminalizzazione dei tifosi. E’ chiaro che bisogna dare certezza della pena, ma è anche giusto dare le stesse pene a tutti. Mi spiego, non si possono prevedere punizioni speciali per chi commette reati dentro o intorno agli stadi.  Un ulteriore passo da compiere è quello di ridare certezza al tifoso. Insomma, bisogna sapere quando si gioca. Se veramente vogliamo riavvicinare le famiglie agli stadi, non possiamo certo prendere ad esempio il calendario della Roma, visto che i giallorossi giocheranno in tutti i giorni della settimana e a tutte le ore.
In conclusione poi, bisogna rendere gli stadi più agevoli e più sicuri. La costruzione di nuovi stadi non deve essere uno strumento di speculazione immobiliare, ma un mezzo per coinvolgere tifosi e famiglie, senza dimenticare che, e questo intendo sottolinearlo, l’azionariato popolare rappresenta per me un’occasione da non perdere che potrebbe realmente riavvicinare i tifosi alle società.

Ritiene che al momento sussista la volontà politica di dare una regolamentazione di legge generale al fenomeno della violenza negli stadi?
Io credo che la politica ha una grave responsabilità e parlo sia di destra che di sinistra, visto che i decreti amministrativi di cui parliamo sono stati approvati in modo trasversale. La politica deve avere il coraggio di dire che ha sbagliato.
Al momento devo dire con fiducia che sembra che qualcosa si stia muovendo, grazie anche al movimento d’opinione pubblica che si è coagulato intorno all’opposizione alla Tessera del tifoso. A tal proposito voglio anche dire che credo fermamente che l’iniziativa della Roma crea un precedente positivo per eliminare quello che, Invece di uno strumento di sicurezza, si trasformerà in bancomat per tifosi.

Che giudizio dà dell’esperienza della Tessera dalla sua introduzione a oggi?
Mi auguro che ci sia la possibilità di ripensare all’esperienza della Tessera e si elaborino le soluzioni più idonee per superarla. Anche politicamente terrò accesi i riflettori su questa questione che riguarda tutti. Dalla tessera del tifoso, il passo verso la tessera del manifestante è breve. Infatti purtroppo si è già passati alle diffide per le manifestazioni politiche e sindacali.

In conclusione, ritiene che il progetto della Tessera del tifoso abbia avvantaggiato più gli utenti degli stadi o i soggetti privati che siedono al tavolo del Casms?
Io credo che l’intento era quello di agevolare i soggetti privati coinvolti negli affari che il calcio crea. Nei fatti però nessuno ne ha tratto vantaggio, vista la diminuzione esponenziale delle presenze allo stadio e delle trasferte organizzate.

delirante il pensiero di un esponente della lega nord (il partito di maroni) che in un altra intervista dichiara pure di essere tesserato a torino…

Cavallotto (Lega Nord): “Alemanno appoggia delle finte promozioni sportive che in realtà altro non sono che le classiche furbate italiane. La Roma sta cercando di tutelare i tifosi più violenti”

Davide Cavallotto, a seguito delle dichiarazioni rilasciate nella giornata di ieri, è intervenuto per precisare quanto in precedenza affermato sulla nuova iniziativa della società giallorossa:

Vuole chiarirci le sue dichiarazioni in merito a questo carnet di biglietti che la Roma ha concepito?

Sembrava quasi un’elusione della legge in modo da evitare la tessera del tifoso. Secondo me è stata una brutta immagine che una società come la Roma ha dato perché ha cercato di tutelare quei tifosi più violenti.


Lei ha detto che la Roma si sarebbe sottratta a dei controlli, ma lei sa che la tessera del tifoso non aggiunge nulla come controlli rispetto al biglietto nominale?

Si, ma tutte le leggi sono migliorabili e la Roma così si sarebbe sottratta a degli accordi intercorsi.
Anche quando si compra il biglietto nominale tutti i dati vengono trasferiti alla questura. Come già detto ci sono delle regola da rispettare. La tessera del tifoso è stata istituita per limitare i tifosi violenti.


In riferimento alle sue dichiarazioni, lei cosa intende per “mentalità romana” ?

Io cerco sempre di fare la provocazione per poter comunque attirare l’attenzione e far risaltare certi concetti. “Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, evidentemente in calo di consensi a causa della sua amministrazione, invece di cercare voti appoggiando finte promozioni sportive che in realtà altro non sono che le classiche furbate italiane, si preoccupi del buco infinito nel bilancio della sua città”.

È la risposta del deputato della Lega Nord, Davide Cavallotto, alla polemica del sindaco di Roma sul carnet di biglietti proposto dall’a.s. Roma per evitare la sottoscrizione della tessera del tifoso.

“La sicurezza negli stadi non è argomento adatto su cui cercare l’approvazione popolare, ma una vera e propria emergenza del Paese che, com’è avvenuto in tutto il mondo civile, prima o poi andrà risolta. La tessera del tifoso e la privatizzazione degli stadi sono un passo importante verso questo traguardo”.

(comunicato stampa dell’on Davide Cavallotto)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...