Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Grosseto vs Padova

Rissa in tribuna durante la partita
con il Gubbio: arrestato tifoso padovano

Un gruppo era nella stessa tribuna degli umbri: «Ci spostiamo
se fate entrare i nostri amici senza biglietto e senza tessera»

Carabinieri e polizia hanno arrestato un tifoso del Padova calcio per resistenza a pubblico ufficiale e in base alla legge sugli stadi in seguito agli scontri avvenuti ieri al Barbetti di Gubbio in occasione della partita di serie B tra la formazione locale e quella veneta.

Il giovane è stato bloccato dai militari della compagnia eugubina e dalla Digos di Perugia. A gara appena iniziata personale in servizio di ordine pubblico notava la presenza di una ventina di sostenitori del Padova all’interno della gradinata dello stadio insieme ai locali. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il tifo animato dei sostenitori veneti scatenava rabbiose reazioni da parte degli eugubini che, ripetutamente, richiedevano l’intervento degli steward.

I tifosi veneti, alla richiesta avanzata dai responsabili delle forze dell’ordine di spostarsi nel settore riservato agli ospiti, rispondevano che lo avrebbero fatto solo se alcuni di loro sprovvisti di biglietto e tessera del tifoso (una decina) rimasti al di fuori dell’impianto, avessero potuto assistere alla gara, ricevendo però una risposta negativa. Poco prima della conclusione del primo tempo, dopo che il Gubbio aveva segnato il gol (rivelatosi poi quello della vittoria), alcuni tifosi delle due squadre venivano a contatto fisico, creando momenti di parapiglia.

Ne è nato uno scontro tra alcuni tifosi eugubini e padovani, che veniva sedato dall’intervento delle forze dell’ordine. Carabinieri e poliziotti sono riusciti a isolare e arrestare uno dei tifosi, un trentenne risultato già sottoposto al daspo nel 2006, accusato di avere partecipato agli scontri. I tifosi veneti coinvolti negli scontri sono stati tutti identificati e proposti per il divieto di assistere alle manifestazioni sportive. Sono in corso indagini per identificare i tifosi eugubini che hanno preso parte ai tafferugli.

@gazzettino.it

Riceviamo e pubblichiamo due opposte testimonianze su quanto accaduto sabato a Gubbio sulle tribune dello stadio Barbetti

Gabbiani Biancoscudati si scrivono: “Noi del club Gabbiani Biancoscudati, regolarmente iscritti all’A.I.C.B., possessori della tessera del tifoso, presenti a Gubbio in occasione dell’ultimo incontro del Padova, abbiamo assistito chiaramente alla vergognosa aggressione subìta da alcuni ragazzi della tribuna Fattori i quali, in possesso di regolare tagliando, avevano trovato posto, nello stadio della cittadina umbra, in tribuna est, insieme agli spettatori eugubini, a fianco del settore (curva) a noi destinato. Sin dall’inizio è stato evidente il clima di tensione creato dagli spettatori locali che hanno organizzato un lancio di oggetti contro quei giovani padovani, senza reazione o azione provocatoria alcuna di questi ultimi. Al minuto 42 della partita, in occasione del goal della squadra umbra, vari tifosi rossoblu della zona centrale della tribuna est, si sono avventati contro quei sostenitori biancoscudati, con “spintoni”, calci e pugni, con l’evidente intento di spedirli fuori dallo stadio. Gli stewart, a nostro avviso presenti in numero gravemente insufficiente in quel settore, non sono intervenuti in quel frangente. La scaramuccia è degenerata, quindi c’è stato l’ingresso della celere che ha caricato quei supporsters del Padova mandandoli fuori dallo stadio. Tanto era dovuto per onestà di quanto assistito e per correttezza nella speranza che la nostra testimonianza aiuti, affinchè aggressioni gratuite di questo tipo non abbiano più a ripertersi. Ci teniamo a precisare infine che, per noi, tifosi patavini, tesserati e non, rimaniamo uniti tutti per la causa biancoscudata. Il club Gabbiani Bincoscudati”.

Ci scrive anche Giovanni C., tifoso del Gubbio presente al Barbetti: “Sono un tifoso del Gubbio e scrivo in merito agli incidenti accorsi durante la partita allo stadio “Barbetti” di Gubbio. Quello che è accaduto è spiacevole ma ovviamente spiegabile. è prima di tutto inconcepibile che un gruppo di ultras del Padova (senza tessera del tifoso) siano stati fatti accomodare nella gradinata riservata ai tifosi eugubini. I tifosi padovani non si sono limitati a guardare la partita, hanno attaccato i loro striscioni, stavano in piedi (quindi costringendo chi si trovava alle loro spalle a spostarsi) cantavano e insultavano i tifosi padovani in curva. Continuavano a comprare e bere birra, “scaldandosi” sempre più e tenendo un comportamente sempre più arrogante e sprezzante. Era chiaro come il sole che al primo goal, dell’una o dell’altra squadra, sarebbe successo il finimondo.Poiché i padovani erano in 20 e gli eugubini in gradinata 1500, i padovani hanno avuto la peggio.è un miracolo che non ci sia scappato il ferito grave. Si può leggere l’accaduto in tanti modi, certo è che mai e poi mai un gruppo di tifosi eugubini si sarebbe permesso di venire allo stadio euganeo sfidando in quel modo il tifo padovano.

@padovagoal.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...