Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Ladri di polli

Tenta una rapina alla bocciofila,
ma gli anziani lo ignorano, e lui fugge

PADOVA – Pote’ piu’ l’indifferenza che la paura. E’ la regola che ha imparato a proprie spese uno sprovveduto rapinatore che stasera ha tentato una rapina nella sede di una societa’ bocciofila di Padova, a Chiesanuova, frequentata da anziani.

Quando l’uomo, pistola in pugno e travisato con una sciarpa, ha urlato il classico ”fermi tutti, questa e’ una rapina”, i nonnetti non hanno battuto ciglio ed hanno continuato a giocare a carte, come la cosa non li riguardasse. Visto che non gli credevano, l’improvvisato bandito ha esploso un colpo in aria con la pistola, probabilmente una scacciacani, ma senza sortire migliori risultati.

A quel punto il gestore del bar si e’ avvicinato allo sbalordito rapinatore e gli ha spiegato che li’ non c’era nulla, o quasi, da rubare.

Lo sconosciuto, secondo quanto raccontato dai vecchietti alla polizia intervenuta pochi minuti dopo il colpo fallito, se ne e’ andato non prima di essersi scusato con i presenti per il disturbo.

@blitzquotidiano.it

Prova il colpo in una banca ma scappa
a mani vuote: arrestato al rientro a casa

Il 38enne ha assalito un istituto di credito di Fossò minacciando
con un coltello i dipendenti, ma la cassaforte è rimasta chiusa

VENEZIA – Un uomo di 38 anni, Gianpietro Barbieri di Fossò è stato arrestato questa mattina dai carabinieri di Vigonovo con l’accusa di tentata rapina.

Con il volto nascosto da berretto e sciarpa Barbieri, poco dopo l’apertura dell’agenzia della Banca del Veneziano di Fossò, ha minacciato con un coltello una cassiera intimandole di consegnarli il denaro a disposizione. Alla fuga della donna, riparatasi da una collega, Barbieri ha reagito scavalcando il bancone e minacciando le due donne. Constatato tuttavia che la cassaforte era ancora chiusa e che non c’erano contanti pronti, l’uomo è fuggito a piedi.

I militari hanno raccolto in breve tempo le testimonianze dei presenti e visionando le immagini delle telecamere a circuito chiuso hanno riconosciuto l’uomo già noto per precedenti penali per reati contro la persona. I carabinieri lo hanno arrestato poco dopo mentre rientrava a casa in bicicletta.

@gazzettino.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...