Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Una mezza vittoria

Sembra una mezza vittoria…hanno tolto la pratica commerciale della tessera ma rimane il discorso legato all’articolo 9 che era stato sospeso in precedenza …se si legge bene l’articolo di federsupporter naturalmente l’ipotizzata soluzione non intacca il principio e la regola per cui chi è sottoposto a Daspo o ha riportato un condanna, anche non definitiva, per reati commessi a causa o in occasione di manifestazioni sportive non può accedere agli stadi….quindi con le tempistiche della giustizia italiana qualcuno rischierebbe dopo il daspo di dover aspettare pure cinque anni dalla condanna pur di ottenere qualcosa...

Calcio: Osservatorio, semplificazione
per acquisto biglietti

(ASCA) – Roma, 1 feb – Semplificazione per l’acquisto dei biglietti per lo stadio e piu’ servizi ai tifosi. Sono questi – informa un comunicato – gli obiettivi fissati nella seduta odierna dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive.

Preso atto degli ottimi risultati raggiunti nella sicurezza delle manifestazioni sportive, testimoniati dai dati elaborati dal Centro Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive dell’Ufficio Ordine Pubblico, che saranno resi noti nei prossimi giorni, l’organismo collegiale ha deliberato una serie di misure che aprono un percorso di semplificazione nell’acquisto dei biglietti e di accessibilita’ negli stadi.

Il primo intervento, recentemente richiesto dalla Lega Nazionale di serie A – e gia’ approvato – riguarda un ”carnet elettronico di biglietti” che le societa’ sportive, nell’ambito della propria autonomia di impresa, potranno adottare a partire da subito e sino alla fine di questo campionato.

Il carnet, in altre parole un gruppo di biglietti caricati su una card elettronica, rispetta pienamente le normative di sicurezza, ha carattere sperimentale, riguarda le sole partite casalinghe e risponde all’esigenza di favorire al massimo i canali di vendita dei biglietti ed i processi di inclusivita’ negli stadi delle tifoserie sane, voluti dal Ministro dell’Interno Cancellieri.

L’Osservatorio, che ha approvato il fac-simile a cui le societa’ sportive dovranno conformarsi, ha raccomandato alle stesse di adottare misure organizzative che facilitino i tifosi nell’adozione di tale strumento, secondo logiche di servizi e non solo di mera attivita’ commerciale.

E’ stato inoltre costituito un gruppo di lavoro ristretto che, per la prossima riunione, presentera’ il pacchetto di misure di semplificazione per l’acquisto dei biglietti, in particolare per i minori, e per l’uso della tessera del tifoso.

Nell’ambito delle strategie di dialogo con i tifosi, l’Osservatorio ha inoltre accolto la richiesta della Societa’ Sportiva Ancona 1905 – interessata in passato da numerosi divieti di trasferta – di riammettere i propri tifosi al seguito della squadra, prendendo atto dell’impegno dei dirigenti del Club, di garantire, con specifiche misure organizzative, le trasferte in sicurezza dei propri tifosi.

L’Organismo collegiale ha infine preso atto con soddisfazione del provvedimento del Giudice Sportivo che ha inflitto la squalifica a vita di un tesserato della societa’ Real Colliano 2009, responsabile di una grave aggressione nei confronti dell’arbitro.

com/rf @asca.it

Comunicato Stampa Federsupporter

Dialogo Federsupporter – Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive sulla Tessera del Tifoso per evitare ulteriore contenzioso Tar. Impegno del Presidente dell’Osservatorio a incontrare periodicamente Federsupporter
Il presidente di Federsupporter, Alfredo Parisi, assieme al responsabile dell’area legale, Massimo Rossetti, hanno incontrato presso il Ministero dell’Interno, il neo Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, dr. Roberto Sgalla, e il Vice Presidente Operativo e Portavoce dell’Osservatorio, dr. Roberto Massucci. L’incontro ha consentito di porre le premesse per un auspicabile superamento del procedimento giudiziario iniziato da Federsupporter e Codacons, davanti al Tar del Lazio contro le pratiche commerciali scorrette contenute nella tessera del tifoso: il 18 aprile è stata infatti fissata l’udienza davanti allo stesso Tar, a seguito della decisione del Consiglio di Stato. L’incontro, infine, si è concluso con l’importante impegno assunto dal Presidente dell’Osservatorio, peraltro, in linea di continuità con i positivi rapporti già avviati, di tenere sistematici e periodici incontri con Federsupporter, preferibilmente con cadenza mensile, onde verificare l’andamento e l’evolversi delle tematiche e delle situazioni di comune interesse ed acquisire rispettive valutazioni e proposte.

  Roma 24 gennaio 2012
Federsupporter incontra il neo Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. Instaurazione di un rapporto sistematico e periodico di reciproca consultazione su tutte le tematiche dello Sport
Oggi Federsuppporter, nelle persone del suo Presidente, dr. Alfredo Parisi, e del suo Consigliere, Responsabile dell’Area Giuridico-Legale, Avv. Massimo Rossetti, ha incontrato, presso il Ministero dell’Interno, il neo Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, dr. Roberto Sgalla, accompagnato dal Vice Presidente Operativo e Portavoce dell’Osservatorio, dr. Roberto Massucci.
L’incontro si è svolto in un clima di cordialità e di disponibilità reciproca a confrontarsi su tutte le principali tematiche dello Sport.
In particolare, con riferimento alla tessera del tifoso, si è fatto il punto della situazione: sia alla luce dell’ordinanza del Consiglio di Stato che, su iniziativa di Federsupporter e Codacons, ha sancito come commercialmente scorretta la commistione tra la predetta tessera e carte di credito revolving; sia alla luce di novità legislative già entrate in vigore e di ulteriori normative di prossima emanazione.
Novità e normative tutte nella direzione di semplificare al massimo la necessità di produzione di certificazioni da parte dei cittadini nei rapporti con la Pubblica Amministrazione o con soggetti privati svolgenti pubblici servizi e nella direzione di eliminare al massimo documenti cartacei nell’ambito di tali rapporti.
E’ risultato evidente, pertanto, che le attuali procedure relative alla richiesta ed al rilascio della tessera del tifoso dovranno essere necessariamente riviste alla luce di tutto quanto in precedenza riportato.
In questo senso, il Presidente dell’Osservatorio ha manifestato sensibilità e disponibilità; tanto è vero che rilevanti novità nel senso della massima semplificazione possibile delle suddette procedure sono allo studio e potrebbero entrare in vigore già dalla prossima stagione sportiva.
A questo proposito, tenuto conto che le società sportive debbono essere collegate con l’apposito sistema informatico “Questura on line” e che, quindi, sono in grado di verificare in tempo reale se chi chiede un abbonamento o un biglietto ha i requisiti per poterli ottenere, Federsupporter ha avanzato sin d’ora la proposta di pervenire ad una totale e completa informatizzazione della tessera del tifoso, evitandosi anche l’esigenza di una autocertificazione cartacea.
Naturalmente l’ipotizzata soluzione non intacca il principio e la regola per cui chi è sottoposto a Daspo o ha riportato un condanna, anche non definitiva, per reati commessi a causa o in occasione di manifestazioni sportive non può accedere agli stadi.
Principio e regola, d’altronde, mai messi in discussione da Federsupporter che, invece, ha sempre criticato e contestato l’impropria e illegittima strumentalizzazione commerciale di tali principio e regola fatta dalle società sportive che, per lo più, hanno finora di fatto imposto ai tifosi la sottoscrizione di carte di credito come condizione necessaria e indispensabile per acquisire il diritto di accedere agli stadi: pratica che, da ultimo, come rilevato, il Consiglio di Stato ha giudicato commercialmente scorretta, indipendentemente dalla circostanza, meramente eventuale e casuale, dell’effettivo utilizzo di dette carte.
Neppure Federsupporter ha mai messo in discussione la possibilità per le società sportive di portare avanti politiche commerciali e di fidelizzazione, purchè commercialmente corrette, basate sull’adesione, del tutto libera e volontaria, dei propri sostenitori.
Ci si augura, dunque, che si possa arrivare, d’intesa con l’Osservatorio, a soluzioni condivise che rendano inutile la prosecuzione del procedimento giudiziario, considerato come il 18 aprile prossimo sia stata fissata l’udienza dinanzi al TAR del Lazio per la trattazione della questione allo stesso rimessa dal Consiglio di Stato, dovendosi attenere il Tribunale Amministrativo al principio, prima enunciato, sancito dal Consiglio di Stato medesimo.
L’incontro, infine, si è concluso con l’importante impegno assunto dal Presidente dell’Osservatorio, peraltro, in linea di continuità con i positivi rapporti già avviati, di tenere sistematici e periodici incontri con Federsupporter, preferibilmente con cadenza mensile, onde verificare l’andamento e l’evolversi delle tematiche e delle situazioni di comune interesse ed onde acquisire rispettive valutazioni e proposte.
Il Presidente   Dr. Alfredo Parisi @federsupporter.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...