Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

La gente torni negli stadi

Stanno facendo in modo di convincere la gente che la tessera del tifosi è cambiata…solo alla fine viene menzionato di sfuggita l’articolo 9…

“La gente torni negli stadi”
E la tessera del tifoso cambia

La tessera del tifoso è stata introdotta nel 2009
Nuovi vincoli più morbidi. L’Osservatorio: «L’emergenza
è finita». Ora si potrà andare in trasferta senza card se il biglietto è comprato da chi ce l’ha

Il nome è nuovo, il messaggio anche. La Tessera del tifoso arriva a metà stagione, o poco più, e va incontro ad un restyling impensabile nei giorni degli ultrà in corteo per protesta o delle società in fermento per trovare una via d’uscita. Tutto nasce da un presupposto, ovvero provare a costruire l’immagine di un calcio italiano se non dagli stadi avveniristici quantomeno senza preoccupanti vuoti sulle tribune. Così, terminata quella che il presidente dell’Osservatorio sulle manifestazioni sportive del Viminale, Roberto Sgalla, definisce «la fase emergenziale…», ecco il passo in avanti. «Il calcio è passione se c’è gente allo stadio e il nostro obiettivo è proprio quello di riportare i tifosi sulle tribune. In questi mesi – precisa Sgalla – la tessera è stata vissuta come qualcosa di punitivo da parte degli appassionati e questo anche per colpa di una cattiva informazione. Abbiamo deciso di ripensare qualcosa…».

La rivoluzione è immediata, la frattura con il recente passato anche, tanto che i tempi delle riflessioni dell’ex ministro degli Interni Roberto Maroni sul tema appaiono preistoria. Due sono i confini prima nemmeno sfiorabili, oggi aperti: l’abbonamento, o meglio carnet di biglietti per le partite interne, senza aver sottoscritto alcun tipo di tessera e la possibilità di mettersi in viaggio al seguito della propria squadra senza card, ma con il tagliando d’ingresso allo stadio (settore ospiti compreso) acquistato da un amico che la fidelity card ha firmato. Quest’ultima appare come la novità più sorprendente perché riapre le trasferte, fino a poche ore fa chiuse categoricamente ai non possessori della tessera. «La nostra filosofia deve essere inclusiva e per questo abbiamo pensato ad una soluzione che potrei sintetizzare “porta un amico con te”: se, però, l’amico sgarra, paga e a chi gli ha comprato il biglietto viene ritirata la card. Dobbiamo facilitare spiega Sgalla la possibilità di comprare il biglietto ai tifosi e togliere gli alibi a quei club che, dietro alla tessera del tifoso, nascondono il proprio immobilismo in materia: tolte le eccezioni di Juve e Roma, impegnate ad andare incontro agli appassionati, non c’è nulla. Noi, invece, pensiamo ad una serie di servizi, senza alcun fine commerciale, che le società devono mettere in campo per i tifosi».

La Tessera del tifoso non si chiama, o chiamerà, più così. «Diamogli il nome dei singoli club…», così Sgalla. Un primo passo verso uno scenario cosiddetto di normalizzazione che, per l’Osservatorio del Viminale, deve avere un punto d’arrivo già fissato. «Dall’inizio del prossimo campionato – precisa Sgalla – in serie B o Lega Pro avremo degli stadi senza barriere fra i settori: li abbiamo già individuati, spero che presto anche la serie A ci segua…». Gli impianti di B o dell’ex C1 e C2 aperti saranno almeno sei o sette per categoria. Per la serie A i tempi non sembrano ancora maturi, ma nemmeno tanto lontani. «La fase dell’emergenza è finita e lo testimoniano i soli undici incontri con feriti, in netto calo rispetto alle ultime stagioni. Dobbiamo – afferma il presidente dell’Osservatorio premiare e favorire la presenza sugli spalti dei tifosi veri, che sono la stragrande maggioranza». La nuova tessera del tifoso è pronta: cambiargli il nome è, per il Viminale, il primo punto di svolta per far passare il messaggio che, come dice Sgalla, «non stiamo parlando di uno strumento di polizia». Gli ultrà annotano e rilanciano: le curve vorrebbero cancellare anche la norma che vieta a chi ha avuto il Daspo, anche se già scontato, la possibilità di sottoscrivere qualsiasi tessera.

GUGLIELMO BUCCHERI@lastampa.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...