Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Concussione Sessuale

AGLI ATTI ANCHE I SUOI SMS: «CIAO BELLA DONNA, COME STAI?»

Arrestato un poliziotto
È accusato di concussione sessuale

Avrebbe costretto donne straniere ad avere rapporti con lui per rinnovare il permesso di soggiorno

BOLOGNA – Ancora un poliziotto della questura di Bologna nei guai, dopo il caso dei quattro in cella con l’accusa di aver picchiato e rapinato pusher stranieri durante controlli. Ora, un agente dell’ufficio immigrazione – il caso naturalmente è distinto – è stato arrestato con l’accusa di concussione sessuale continuata.

L’ARRESTO – L’ipotesi è che il poliziotto, Claudio D’Orazi, 45 anni, abbia utilizzato le informazioni e il controllo nei confronti di donne straniere che avevano in atto pratiche di rinnovo del permesso di soggiorno per convincerle ad avere rapporti sessuali con lui. Gli episodi di cui la Procura e gli inquirenti hanno raccolto prove riguardano quattro giovani donne, tre magrebine e una moldava, che sarebbero state forzate da D’Orazi ad avere rapporti sessuali con lui: i primi episodi (in tutto sarebbero 10-11) risalgono al 2009, ma quelli più recenti sono del dicembre scorso. L’arresto è stato fatto su richiesta di ordinanza di custodia del procuratore aggiunto Valter Giovannini e del pm Lorenzo Gestri, accolta dal gip Pasquale Gianniti. La richiesta di misura cautelare è stata fatta per il rischio di inquinamento probatorio e di reiterazione del reato: basta pensare che l’arrestato continuava a cercare e a molestare le straniere anche dopo che nelle scorse settimane, su sua richiesta, era stato trasferito all’ufficio personale.

LE INDAGINI – Le indagini sono partite a settembre dopo una segnalazione raccolta dal dirigente dell’ufficio immigrazione. Ad incastrare il poliziotto sono state, tra le altre cose, le registrazioni fatte da una delle donne vittime dei suoi presunti ricatti sessuali, che ha registrato sia la sua voce al citofono, quando continuava a suonare e insisteva per salire in casa, sia un rapporto sessuale a cui, appunto, sarebbe stata forzata. Ma agli atti delle indagini – oltre alle testimonianze delle vittime – sono finite anche intercettazioni telefoniche, tra cui telefonate a straniere e sms che l’uomo inviava alle donne scrivendo, per esempio, «Ciao bella donna come stai?».
D’Orazi, quando era all’ufficio stranieri, aveva il compito di fare le verifiche esterne (in casa) per assicurarsi che fossero vere le situazioni di convivenza o di matrimonio sostenute dalle donne a sostegno della richiesta di permesso di soggiorno o di rinnovo del permesso scaduto. In questo modo era entrato in contatto con tantissime donne straniere. Le quattro vittime, a cui la Procura e la Squadra mobile sono arrivate dopo aver avviato le indagini, hanno detto di averlo conosciuto quando si è presentato la prima volta a casa per una visita a domicilio. Poi, da questo primo incontro, avrebbe continuato a cercarle telefonicamente, a tempestarle di sms e anche a presentarsi a casa loro pretendendo di entrare. Avrebbe promesso loro che avrebbe fatto andare a buon fine la pratica per il permesso di soggiorno e per convinverle ad avere rapporti sessuali con lui le avrebbe minacciate velatamente che la pratica avrebbe potuto arenarsi.

IL QUESTORE: «LA NOSTRA LINEA É LA FERMEZZA» – È un’altra bufera per la questura di Bologna. «Fin dal primo giorno ho detto a poliziotti e funzionari che la nostra è la linea della fermezza e della legalità, e che non avrei difeso l’indifendibile – è il commento del questore, Vincenzo Stingone – Non abbiamo avuto e non avremo esitazioni, io sono il portavoce dei poliziotti onesti. Non appena avuto sentore abbiamo subito agito. Come cittadino mi sentirei più allarmato se questi gravi fatti non uscissero fuori non abbiamo avuto e non avremo tentennamenti, solo così si conquista la fiducia della gente. Ovviamente questi arresti provocano dolore e disagio perchè non si mettono le manette ai colleghi a cuor leggero. Ma la barra è dritta e non facciamo sconti a nessuno».

Redazione online @corriere.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...