Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

Stadi Vuoti???

Serie B, le promozioni in A svuotano gli stadi?

La promozione in Serie A di Pescara, Torino e Sampdoria delinea un organigramma del campionato di Bwin – al momento provvisorio in virtù delle sentenze per il calcioscommesse che potrebbero cambiare non poco le carte in tavola – che, se confermato dai fatti, si tradurrebbe in una perdita di pubblico molto significativa per il torneo cadetto.

Le tre retrocesse dalla A e le quattro neopromosse dalla Prima Divisione (QUI i particolari) non sembrano sulla carta in grado di pareggiare la perdita numerica derivante dalla salita nella massima divisione di club che hanno dato un apporto di crescita assolutamente significativo alla categoria guidata dal presidente Andrea Abodi (nella foto).

Per chiarire questo concetto riproponiamo un articolo di qualche tempo fa, illuminante sotto questo profilo.

I dati definitivi di fine campionato – quelli riportati nell’articolo sotto erano relativi alle prime 152 partite – evidenziano che la Sampdoria (media gara 20.854), il Torino (15.897) e il Pescara (13.940) occupano rispettivamente la prima, seconda e quarta posizione nella speciale classifica stilata in base all’affluenza del pubblico negli stadi. A questo punto resterebbe una sola squadra in Bwin capace di portare allo stadio oltre diecimila spettatori in media, vale a dire l’Hellas Verona (14.084) terzo nella speciale graduatoria. Il Padova (8.094) è quinto, ma con un trend in calo.

* * * * * * * * *

In un recente report Calciopress ha analizzato i dati numerici sull’affluenza di pubblico nella Championship (la serie Binglese). Un’indagine che ha messo in evidenza il grande afflusso di spettatori negli stadi della serie cadetta d’Oltre Manica (QUI i particolari).

In precedenza era stato pubblicato un analogo report dell’Osservatorio Calcio Italiano sui numeri in crescita della serie Bwin (QUI i particolari). I dati sulle presenze di pubblico registrate a tutt’oggi in serie B, tratti dal sito stadiapostcards.com, mettono in luce numeri ancora mediocri per quella che è pur sempre la seconda divisione del calcio italiano.

Sono state considerate 152 partite interne giocate dai 22 club di cadetteria. La media gara risulta pari a 6.378. Un dato apparentemente in crescita rispetto alle 4.922 presenze medie dello scorso anno. Ma non è tutto oro quel che luccica. Cerchiamo di capire perchè.

Nelle prime cinque posizioni della graduatoria troviamo:

1) Sampdoria (media gara 21.875)
2) Torino (15.838)
3) Hellas Verona (14.729)
4) Pescara (10.617)
5) Padova (9.546)

Nelle ultime cinque posizioni si piazzano:

18) Empoli (2.8266)
19) Sassuolo (2.393)
20) Cittadella (2.392)
21) Grosseto (2.2.17)
22) AlbinoLeffe (2.052)

La partita più vista è stata Sampdoria-Torino con 25.188 presenze. Quella meno seguita AlbinoLeffe-Crotone, alla quale hanno assistito 1.638 spettatori.

Si deve osservare che solo quattro squadre sulle ventidue iscritte (Sampdoria, Torino, Hellas Verona e Pescara) hanno superato la soglia delle 10mila presenze medie per partita. Un altro dato molto significativo è che le ultime cinque della graduatoria registrano tutte meno di 3mila spettatori.

La presunta crescita di pubblico in Bwin è dunque solo apparente, in quanto “drogata” da una fortunata coincidenza. Vale a dire la contemporanea presenza in cadetteria di due club con un grosso traino di spettatori come la Sampdoria (retrocessa dalla serie A) e l’Hellas Verona (promosso dalla Prima Divisione di Lega Pro). A queste due blasonate società si aggiungono il Torino (confinato da un po’ in cadetteria, ma quest’anno capolista grazie a Ventura che ha riportato l’entusiasmo tra i tifosi granata) e il Pescara (anche le presenze all’Adriatico stanno lievitando grazie a Zeman). Con l’eccezione del Padova, che tiene testa alle altre, dietro c’è il vuoto.

Per il resto, nonostante i meriti di un presidente molto attivo come Andrea Abodi siamo ben lontani dalla media di 10mila spettatori a partita, che dovrebbe essere l’obiettivo minimo della cadetteria e che era negli ottimistici auspici dei suoi  vertici dirigenziali.

Una rondine non fa primavera. Gli stadi della Bwin sono, nella massima parte dei casi, desolatamente vuoti. Qualsiasi confronto con l’omologa categoria inglese è allo stato delle cose improponibile. Le riprese delle pay tv confermano dati numerici incontrovertibili. Con impietoso realismo, fatte salve le eccezioni che confermano la regola

Sergio Mutolo @calciopress.net

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...