Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

XXX Factor

Perché spunta una porno sosia di Arisa

Rocco Siffredi e la porno sosia di Arisa

 

Una doppia profanazione dietro l’ annuncio di un  un film a luci rosse ambientato in XFactor

Rocco Siffredi ha lanciato il suo nuovo progetto di porno film “XXX Factor”, che avrà come protagonista una sosia perfetta della cantante Arisa. Non è difficile dedurre che la location degli aggrovigliamenti hot riprodurrà la trasmissione con  Simona Ventura, di cui la vera Arisa è giurata. L’ operazione, poderosamente lanciata in rete, è astutamente mossa dall’intento di risvegliare la morbosità degli Italiani, proponendo loro lo spettacolo inedito di una doppia profanazione.

Il John Holmes italiano sta vivendo una fase di sdoganamento graduale della sua iniziale figura di torbido protagonista dell’onanismo maschile. E’ diventato un ricercato opinionista, molto interpellato sulle più o meno recenti vicende che hanno legato il sesso alla politica. E’ testimonial pubblicitario di varie prelibatezze gastronomiche, dalla patatina al wurstel, di cui sottolinea per naturale associazione ogni più riposta e allusiva indecenza.

Ora Siffredi ha compreso che, dopo il processo delle Olgettine, l’ immaginario erotico nazionale è stato fortemente inflazionato da modelli femminili dalla procacità sinteticamente potenziata. E’sin troppo facile diagnosticare il tramonto di un prototipo di femmina patinata, disinibita, griffata, come protagonista onirica di collettivo turbamento del medio maschio italiano.

Ecco dunque il genio perverso che, in un sol colpo, riapre due scenari, fino ad ora sottovalutati come fonte di attenzioni lubriche e illecite frequentazioni. La prima palese profanazione la compie dunque proponendo una versione sessualmente famelica di Arisa, in realtà fino ad ora immaginata, al massimo della trasgressione, come simbolo dell’occhialuta lussuria che potrebbe avere una brava ragazza romantica e impegnata in parrocchia.

Rocco spoglia parzialmente la pseudo Arisa (è impressionante la somiglianza con il prototipo) accennando ai suoi imprevedibili paradisi nascosti, appena baluginanti dalla camicetta sbottonata e sotto gli hot pants attillati. Ancor di più spinto nella profanazione di quel simbolo di casta avvenenza, caro alla famiglia italiana, simula e annuncia per lei lo stesso trattamento pervasivo che Marlon Brando applicò su Maria Schneider, scaturigine scandalosa di un moto inquisitorio che, decenni prima, condannò al rogo l’ Ultimo Tango di Bertolucci.

La seconda profanazione, di genere più subliminale, ma altrettanto sconvolgente, è la scelta del set di XFactor che è recentemente divenuto il luogo-simbolo di un possibile rinascimento politico dell’ Italia, almeno nell’ intenzione di chi vi volle celebrare il grande faccia a faccia a cinque dei candidati alle primarie del Partito Democratico. Non saranno quindi tanto Morgan o Elio o la Ventura, che gli Italiani porranno al centro della loro attenzione fanta copulatoria nella porno narrazione di Siffredi, ma piuttosto Renzi, Vendola, Tabacci, Bersani e Puppato.

Come spesso accade è pure probabile che il film nemmeno si farà, o ammesso che venga girato, non uscirà dai circuiti dei soliti abitudinari del genere. Anche se alla fine per i più non varrà la fatica di andarselo a cercare nei meandri proibiti della rete, è sicuramente potente lo spaesamento emotivo che la notizia potrebbe aver dato all’ universo degli ultimi simboli di castità militante, quelli che la collettività non aveva ancora associato alla carnalità compulsiva e digitalmente riproducibile.

gianluca nicoletti @lastampa.it

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...