Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

calcio elvetico

Modello Italiano

Il modello tessera del tifoso italiano viene esportato all’estero…

Berna: per entrare allo stadio
si dovranno presentare i documenti

BERNA – In futuro per accedere agli stadi bisognerà presentare i documenti d’identità. È quanto prevede un progetto pilota che sarà condotto dall’Ufficio federale di polizia (fedpol) e dalla squadra di hockey di Berna (l’SC Bern).
Concretamente, all’entrata della pista di ghiaccio bernese saranno installati degli apparecchi – simili a quelli in dotazione delle guardie di confine – in grado di “leggere” i documenti d’identità. Questo sistema verificherà che lo spettatore non sia iscritto nella banca dati Hoogan che scheda gli hooligan.

Solo le persone che supereranno questa verifica, e che sono in possesso di un biglietto valevole, potranno penetrare nell’interno dello stadio. Nei prossimi mesi le autorità faranno il punto della situazione.

Attualmente nella banca dati Hoogan sono censiti 1198 hooligan. Il 70% di questi sono tifosi di una squadra di calcio, il 30% di una di hockey.

Tio.ch


Zurigo vs Basilea

Dopo un avvertimento della polizia, solo un centinaio ha assistito alla partita a Zurigo

Dopo una messa in guardia della polizia, 700 tifosi del Basilea oggi hanno rinunciato ad andare allo stadio del Letzigrund a Zurigo, dove la loro compagine nel pomeriggio doveva affrontare la squadra locale.

Una volta scesi dal treno proveniente dalla città renana, prima di avviarsi in direzione del campo di calcio, alcuni tifosi del FCB hanno acceso fuochi d’artificio. La polizia li ha allora avvertiti che nella marcia verso il Letzigrund non sarebbero stati tollerati né oggetti pirotecnici né volti coperti. Dopo una lunga discussione 700 degli 800 tifosi giunti alla stazione hanno deciso di fare dietrofront e sono ripartiti per Basilea.

Nel viaggio d’andata in treno per Zurigo erano stati distribuiti dei volantini che consigliavano ai tifosi di non acquistare anticipatamente i biglietti per l’incontro a causa di un rafforzamento dei controlli di sicurezza all’entrata dello stadio.

Dopo gli scontri di inizio mese, sempre al Letzigrund, durante il derby fra Zurigo e Grasshopers (che hanno provocato l’interruzione della partita), la Swiss Football League aveva deciso di rafforzare le misure di sicurezza non solo allo stadio ma anche in città.

info.rsi.ch


Coppa Svizzera

Due match di coppa svizzera sono stati giocati e caratterizzati dalla interperanze dei sostenitori elvetici…

Disordini dopo partita YB-Zurigo: 11 fermi
Disordini sono scoppiati ieri sera a Berna dopo la partita di Coppa svizzera tra lo Young Boys e lo Zurigo, persa dalla squadra di casa per 3 a 4. La polizia ha fermato, e poi rilasciato, undici persone.
Gli atti di violenza sono avvenuti mentre i tifosi zurighesi, lasciato lo stadio, si stavano dirigendo verso la stazione di Berna-Wankforf, dove li attendeva un treno speciale. Per separare le opposte fazioni le forze dell’ordine sono intervenute con idranti, lacrimogeni e proiettili di gomma.
Un gruppo di tifosi dello Young Boys ha inoltre lanciato sassi contro la polizia, quando il convoglio speciale dei supporter zurighesi già aveva lasciato la stazione. I fermi sono stati operati in base alle riprese delle telecamere di sorveglianza.
(ats)

Basilea fuori, violenti scontri
La sconfitta contro il Bienne 3-1 scatena gli hooligan
BIENNE – Dopo la partita di calcio di Coppa svizzera ieri sera a Bienne tra i locali e il Basilea, vinta inaspettatamente dai primi per 3 a 1, allo stadio vi sono stati scontri. Scalmanati tifosi della compagine renana hanno invaso il campo. Sul grado di violenza dei tafferugli, tra hooligan delle squadre rivali e con la polizia, le informazioni divergono a seconda delle fonti.


Luzern vs Basilea

Non solo in Italia le partite all’ora di pranzo non piacciono ai tifosi. Domenica scorsa la federazione calcistica svizzera ha deciso di anticipare alle 12:45 la partita Basilea – Luzern, per consentire alla televisione di mandare in onda nel pomeriggio la finale del torneo ATP di Basilea giocata e vinta dal beniamino di casa Roger Federer contro il serbo Novak Djokovic.
La decisione presa della federazione non è stata per nulla apprezzata dai tifosi del Basilea che hanno deciso di protestare lanciando in campo centinaia di palline da tennis poco dopo il fischio d’inizio provocando così l’interruzione immediata della partita. La partita è ripresa poco dopo ed è terminata con il punteggio di 1-1.