Perche la vita non ha senso se non la racconti a qualcuno…

max

Vite da ultras

Vite da ultras: Max entra in curva.
Facce, storie e cori di Perugia e Casale

Viaggio fra le tifoserie storiche, dall’Armata Rossa del Perugia agli Sbamballati e ai Boys del Casale. Divisi dall’amore per la propria squadra ma uniti da una sola religione, quella dello stadio. Fra botte, rispetto e onore

Boys e Sbamballati sono gli ultras del Casale, una delle squadre più antiche del calcio italiano. Poi, ci sono l’Armata Rossa, la Brigata e gliIngrifati, che il Perugia non lo mollano mai (scaricati qui i cori dei tifosi delle due squadre). Max ha fatto un viaggio nelle curve storiche, raccogliendo storie di passioni, amicizie, fallimenti, diffide e, naturalmente, botte. Ecco alcune voci (le altre le trovate sul numero in edicola) di quelli per i quali lo «stadio è più che una famiglia».

Noi ti facciamo anche ascoltare gli audio degli ultras di Perugia e Casale.

BEPPE (Età: 36 anni. Gruppo d’appartenenza: Sba mballati. Stato ultras: diffidato non tesserato. Occupazione: operaio).
«Ci hanno ammazzati. A noi ultras, intendo. Hanno voluto distruggerci. Io sono vent’anni che vengo allo stadio, da Casale-Arezzo, 1991, squadra in C1. Accendere un fumogeno a 16 anni… che sensazione… una roba che ti fa sentire qualcuno. Per la prima volta. Il rispetto dei vecchi. È bellissimo. E adesso invece per ‘sta cazzo di diffida non posso neppure andare a vedere una partita di basket. Manco i pulcini all’oratorio posso andare a vedere. Devo sparire tre ore prima del fischio d’inizio. Distanza di sicurezza dallo stadio: almeno 300 metri. Altrimenti mi portano via. E poi a firmare, due volte, in mezzo al primo tempo e in mezzo al secondo. Mi hanno rinchiuso in casa. Io che sono cresciuto per strada, in Calabria, e sono finito a Casale Monferrato da bambino dietro al lavoro di mio padre, in ‘sto posto sempre freddo, dove non si poteva scendere a giocare mai. Meno male che poi è arrivato lo stadio. L’unico luogo per sfogare tutto e ritrovare degli amici veri. Gente che ci mette la faccia, al di sopra di tutto e di tutti. E invece guarda qui, c’ho lo Stato che mi sta attaccato al collo. Quattro anni di condanna. Mi hanno tolto la cosa più bella. M’hanno tolto tutto».

MIMMO (Età: 58 anni. Gruppo d’appartenenza: Armata Rossa. Stato Ultras: Non tesserato non diffidato. Occupazione: operaio).
«La voce che voi fa’, oh, va e viene. Io non ho mai usato il megafono in curva. Allo stadio se deve strillà. È come una piazza. Da riempire coi tuoi contenuti. Io dalla piazza ce vengo. Negli anni Settanta facevo l’extraparlamentare di sinistra. Trotzkista. Poi la politica m’ha fatto schifo e sono venuto allo stadio. L’unico posto dove si sta sempre a testa alta. Dove le cose infami non entrano. L’Armata l’ho fondata io, nel ’78. E pure le regole le ho decise io. Le vuoi sapè? Rispetto per i treni con cui si va in trasferta. Rispetto per la gente in gita e per chi viene allo stadio coi figli. Rispetto per gli autogrill e per quelli che ci lavorano. Fatte queste premesse, se mi rompi i coglioni, so’ cazzi tuoi. Oh. Perché nessuno in Italia può dire d’avermi menato a me. Io sì, lo posso dire de tutti quanti. E se tiri fuori il coltello poi sei un omo de’ merda, e appena posso te zompo addosso, te lo levo, e te faccio un culo come un canestro.

SILVIA (Età: 33 anni. Gruppo di Appartenenza: Ingrifati. Stato ultras: non diffidata non tesserata. Occupazione: consulente informatico).
«La prima volta allo stadio mi ci ha portata mio padre, a sei anni. E lì mi sono innamorata. Mica della palla che ruzzolava. Dell’odore dei fumogeni. È così. Oggi per gli Ingrifati mi occupo della fanzine. Se le donne caricano? Da noi no. Quando ci si incoccia con qualcuno io sto dietro e controllo chi parte e chi non torna indietro. E in caso, mi occupo delle prime medicazioni. Ma sono cose che non capitano quasi più. La tessera del tifoso ha ammazzato tutto. Anche se aggirarla è ‘na cazzata. Noi quest’anno siamo entrati ovunque, comprando tranquillamente dei biglietti di tribuna. Ti presenti in due o tre, senza sciarpe, e il biglietto te lo fanno tranquillamente. Siete ultras? Macché sei scemo, noi siamo in gita gli rispondi al bigliettaio. E sei dentro. Ad Aprilia siamo entrati in cento. A Milazzo pure. E poi ci sono quelli che si fanno fare gli accrediti da altre squadre, come osservatori, e vanno dove vogliono. Capito che barzelletta? Ma a loro piace vederci in fila ai tornelli come delle pecore.Pestarci mentre siamo schiacciati contro i cancelli, come è successo a Terni. Andare a caccia dei ragazzi di colore che portiamo con noi, come accaduto a Verona. A odiarli mi ci hanno portato loro».

@max.gazzetta.it


Chiuso in una scatola

Londra, sbaglia uscita in autostrada:
pensionato scompare per 30 ore

LONDRA – Ha passato 30 ore in autostrada perché non riusciva a trovare l’uscita giusta per andare a casa di sua figlia. E’ successo a un pensionato inglese di 82 anni, come racconta il Daily Mail. Dennis Leighton è uscito lunedì sera da casa sua a Windsor e doveva arrivare a Swanley, nel Kent, 55 miglia più lontano. Una strada fatta più volte, lungo l’autostrada M25, ma stavolta si è perso. Sei ore dopo la partenza la famiglia ha iniziato ad allarmarsi.
Nessuna traccia di Dennis fino al mattino dopo, quando la polizia ha notato la sua auto a Dartford, 6 miglia più lontano rispetto alla sua uscita. Ma solo nelle prime ore di mercoledì il pensionato e la sua auto sono stati recuperati nel Sud di Londra. L’uomo è stato ricoverato in stato di ipotermia, dopo due notti all’addiaccio passate nella sua auto.

@blitzquotidiano.it